stampa questa news Invia questa news ad un amico

Concorso, TFA, Clil, classi di concorso, dimensionamento

» in Precari

Resoconto dell´incontro al Miur


Concorso, TFA, Clil, classi di concorso, dimensionamento martedì 15 gennaio 2013

Si è tenuto il 14 gennaio 2013 l´incontro tra Miur ed organizzazioni sindcali avente ad oggetto: Concorso, Clil, TFA, Pensioni, Classi di concorso, Dimensionamento. Presenti per l´Amministrazione: Stellacci, Chiappetta, Bruschi, Piscitelli, Palumbo, Palermo.

Concorso
Sarà pubblicatoa breve il calendario delle prove dall´11 al 21 febbraio 2013 compresi mattina e pomeriggio. Si potrà effettuare lo svolgimento simultaneo delle prove con orari diversi nel rispetto della cadenza degli ambiti. Saranno indette le prove scritte nei primi giorni per l´infanzia e la primaria. Sarà consegnato ai candidati un format-foglio A4 su quattro o tre facciate. Quattro quesiti sono previsti per le discipline senza laboratorio. Tre quesiti per le discipline che prevedono prove laboratoriali accessorie. Non ci sarà necessità di portare il codice fiscale, sarà prevista una dotazione di fogli per ausilio da parte della commissione. Si potrà portare calcolatrice scientifica solo per le discipline matematiche (non per economia aziendale), dizionari di italiano, dizionari monolingue. Le prove dureranno 2 ore e mezza per le discipline che prevedono quattro quesiti e 2 ore per le discipline che prevedono tre quesiti. E´ ancora aperto il problema dell´inglese per le prove della primaria. Dovrà essere il Comitato Tecnico Scientifico a prevedere un quesito su quattro di lingua oppure una parte di risposte delle quattro previste in lingua inglese. Le prove saranno di norma effettuate nei capoluoghi di regione. Il 25 gennaio saranno note le sedi. Il 22 gennaio verranno sorteggiate le commissioni e solo successivamente ci sarà la possibilità di integrazione delle commissioni. Non sarà previsto l´esonero per i commissari con indennità di funzione molto ridotte. Per ciò che concerne il problema sollevato da tutte le OO.SS. l´amministrazione ha riportato come comunicazione il parere negativo della funzione pubblica circa la possibilità delle RSU elette di poter svolgere tale ruolo in analogia con una nota ARAN del 2011 che equipara i rappresentanti RSU a dirigenti sindacali a tutti gli effetti.
Il comitato tecnico scientifico presieduto dalla prof.ssa Aiello (Sapienza -Roma) ha comunicato i criteri di valutazione delle prove che saranno improntati sull´accertamento tanto sui contenuti disciplinari e sui contenuti professionali (conoscenze e competenze). La griglia di valutazione prenderà in considerazione i seguenti parametri: pertinenza, correttezza linguistica, completezza e originalità. Per ogni quesito la valutazione sarà effettuata con una valutazione da 1 a 10. Di fatto ogni risposta potrà dare fino a 2,5 punti, ma le commissioni, su valutazioni debitamente motivate, possono modificare gli indirizzi nazionali della commissione. Per il momento non c´è nessuna griglia nazionale perché serve ancora il vaglio delle commissioni regionali. Manca ancora il parere del CNPI che è stato di fatto abrogato dal 1-1-2013 non essendo stata ricompresa nella legge mille proroghe la continuità delle funzioni dello stesso CNPI.


TFA e diritto allo studio
Sui TFA prossimamente l´amministrazione avrà un incontro decisivo con il Ministro. In Particolare mancano norme chiare circa il diritto allo studio per i supplenti che rischiano di doversi licenziare per frequentare i corsi. Sui TFA speciali manca ancora il parere del defunto CNPI, si sta aspettando il testo del parere del Consiglio di Stato e i pareri delle commissioni parlamentari. In concreto non ci sono più i tempi per un rapido avvio dei corsi. Con tutta probabilità l´avvio dei corsi, che devono essere sostenuti dai decreti attuativi del MIUR, sarà rimandato alla seconda metà del 2013 o al prossimo anno accademico.

Pensioni
La piattaforma predisposta dal MIUR non funziona adeguatamente. Il Dott. Chiappetta propone uno slittamento di dieci giorni per ovviare ai problemi del sistema informatico.


CLIL per i licei linguistici
L´amministrazione ha predisposto una circolare per affrontare i problemi relativi all´introduzione della seconda disciplina non linguistica in altra lingua straniera. Nella circolare si fa riferimento ad un 50% delle ore curricolari dedicate la CLIL per la seconda lingua a partire dalla classe quarta. Su tale questione ci sono diverse interpretazioni. Si propone di definire la quota come indirizzo derogabile da parte delle singole istituzioni scolastiche che possono incrementare la quota prevista riconoscendo al collegio dei docenti centralità nell´ambito decisionale.

Classi di concorso
In premessa le OO.SS. evidenziano la carenza di canali di comunicazione con l´amministrazione che ha solamente messo a disposizione un indirizzo mail. L´amministrazione ha presentato solo oggi formalmente l´ultima bozza del decreto sulle classi di concorso, fatto che comporta la necessità di una analisi esaustiva del testo consegnato. L´amministrazione ha difeso il metodo del decreto ministeriale interpretando la complessa situazione tecnico-giuridica definitasi dopo la scomparsa del CNPI. E´ convinzione dell´amministrazione applicare l´art. 405 del d.lgs 297 che prevede l´uso del decreto per l´aggiornamento delle classi di concorso. L´arco temporale della delega prevista dalla riforma Gelmini sugli ordinamenti e le classi di concorso è scaduta. Perciò l´amministrazione, anche in applicazione dell´art.14 del D.L 95/2012 intenderebbe procedere speditamente senza aspettare ulteriori pareri.
Di fronte alle veeementi e reiterate critiche e perplessità da parte di tutte le OO.SS. in particolare in relazione all´utilizzo dello strumento del decreto ministeriale che ha di fatto effetti importanti su reclutamento, TFA, graduatorie, lauree magistrali, ecc., l´amministrazione ha riconvocato una specifica riunione per giovedì prossimo.

Dimensionamento
Il MEF non ha approvato l´accordo con le Regioni-Stato finalizzato a modificare l´organico della dirigenza scolastica. In questa situazione il compromesso è dare la scelta delle regioni mantenendo il numero definito da un divisore nazionale. E´ il MEF che impone di applicare i risultati dei tagli già effettuati facendoli diventare strutturai e obbligando una revisione del testo del decreto.
Le regioni autonomamente si sono organizzate per stabilire che, in ottemperanza delle sentenze della Corte Costituzionale, tutti i comprensivi siano determinati con criteri scelti dalla regione per poi procedere a compensazioni in particolare nel settore della secondaria di secondo grado.

La delegazione della Gilda degli Insegnanti ha preso atto delle difficoltà in cui versa l´amministrazione nell´affrontare i le problematiche complesse che mancano evidentemente di un chiaro indirizzo politico. In particolare ribadisce che per le classi di concorso sia necessario provvedere ad un riordino solo con strumenti di natura legislativa che sappiano affrontare contestualmente i temi dei contenuti disciplinari, del reclutamento, della definizione degli organici, delle graduatorie, dei percorsi abilitanti previsti con i TFA, ecc. Provvedere ora con decreto rappresenta, di fronte ad un atto apparentemente tecnico, ma essenzialmente politico, una strumentale forzatura inaccettabile in una fase in cui il governo e il ministro può e deve operare solo per l´ordinaria amministrazione dopo la crisi istituzionale e prima delle elezioni.

La Delegazione della Gilda degli Insegnanti prende atto con sconforto che ancora una volta che i TFA speciali vengono rimandati a date future a causa della distanza siderale del settore universitario dai problemi reali della scuola con un ministro che non è riuscito e non riesce ad essere attore di atti di indirizzo unitario. Appare in questo contesto inaccettabile che non siano ancora stati affrontati i problemi gravi dei docenti precari che intenderebbero frequentare i TFA senza alcun riconoscimento del diritto allo studio. Aspettiamo da parte dell´amministrazione risposte certe evitando il solito scaricabarile tra istruzione e università. Ma il MIUR non dovrebbe essere un ministero unitario con scuola e università all´interno di un solo sistema?



Stai inviando il link del seguente articolo:

Concorso, TFA, Clil, classi di concorso, dimensionamento

La TUA email

Il tuo nome (e cognome)

L'email dell'amico/a

Puoi includere un piccolo messaggio (opzionale)

Misura antispam

Quanto fa 3 piu' 10?

Trattamento dati personali: Ho letto e accetto.