stampa questa news Invia questa news ad un amico

Tra banchi e test sierologici, i ritardi non finiscono mai

» in Comunicati

Rino Di Meglio interviene in merito alla questione dei banchi anti-Covid


Tra banchi e test sierologici, i ritardi non finiscono mai martedì 21 luglio 2020
"È lecito, senza essere tacciati di disfattismo, domandarsi come è stato quantificato il fabbisogno di 3 milioni di banchi, per i quali è stato già indetto un bando di gara europeo dal commissario Arcuri, se il ministero dell´Istruzione ha fissato per le 19 di oggi il termine ultimo per l´invio delle richieste da parte dei dirigenti scolastici? La risposta più plausibile che riusciamo a darci è che, dato il grave ritardo accumulato finora, sia partita una corsa forsennata per dimostrare a tutti i costi l´efficienza dell´Amministrazione e mantenere il punto sulla data del 14 settembre. Ai vertici di viale Trastevere, però, ricordiamo che la fretta è sempre una cattiva consigliera".

Ad affermarlo è Rino Di Meglio, coordinatore nazionale della Gilda degli Insegnanti, intervenendo in merito alla questione dei banchi anti-Covid su cui il Codacons ha anche presentato un esposto all´Anac e alla Corte dei Conti.

Si profila una corsa contro il tempo anche per i test sierologici che saranno disponibili a partire dal 10 agosto. "Al ministero davvero credono che docenti e personale Ata saranno disposti a interrompere le ferie a Ferragosto per sottoporsi volontariamente al test, per il quale, tra l´altro, è necessario il coinvolgimento del medico di base? E nel caso in cui l´esito risulti positivo e si debba procedere con il tampone, inevitabilmente i tempi si allungherebbero ed è lecito dubitare che si arriverebbe impreparati alla riapertura delle scuole".

"Non si tratta di essere allarmisti e di usare toni apocalittici, come ci accusa la ministra Azzolina, ma di essere realisti e di osservare con oggettiva preoccupazione una situazione che è figlia di troppi ritardi. Ci auguriamo, almeno, - conclude Di Meglio - che all´incontro sulle risorse per l´avvio dell´anno scolastico, previsto per domani, il ministero sia in grado di indicare nel dettaglio le cifre disponibili da destinare agli organici, che rappresentano il nodo cruciale di questa ripartenza. Ora che il Decreto Rilancio è stato approvato definitivamente, l´Amministrazione non ha più scuse per non dire chiaramente quali e quante risorse investirà per incrementare il personale docente".


Roma, 21 luglio 2020
Ufficio stampa Gilda Insegnanti



Allegati

ARGOMENTI:  comunicati,

Stai inviando il link del seguente articolo:

Tra banchi e test sierologici, i ritardi non finiscono mai

La TUA email

Il tuo nome (e cognome)

L'email dell'amico/a

Puoi includere un piccolo messaggio (opzionale)

Misura antispam

Quanto fa 3 piu' 8?

Trattamento dati personali: Ho letto e accetto.