stampa questa news Invia questa news ad un amico

La Consulta boccia il prelievo aggiuntivo sul TFR

» in Retribuzioni

La misura era discriminante per i lavoratori pubblici rispetto ai privati 


La Consulta boccia il prelievo aggiuntivo sul TFR venerdì 12 ottobre 2012

La Corte Costituzionale, con la sentenza n. 223 dell´11 ottobre 2012, ha annullato l´art. 12, comma 10 del d. l. 78/2010 convertito nella legge 122/2010 nella parte in cui discrimina i lavoratori pubblici rispetto a quelli privati dove la trattenuta è interamente a carico del datore di lavoro.

Si legge nella sentenza che "Nel consentire allo Stato una riduzione dell´accantonamento, irragionevole perché non collegata con la qualità e quantità del lavoro prestato e perché - a parità di retribuzione - determina un ingiustificato trattamento deteriore dei dipendenti pubblici rispetto a quelli privati, non sottoposti a rivalsa da parte del datore di lavoro, la disposizione impugnata viola per ciò stesso gli articoli 3 e 36 della Costituzione"

La Corte pertanto  "dichiara l´illegittimità costituzionale dell´articolo 12, comma 10, del d.l. n. 78 del 2010, nella parte in cui non esclude l´applicazione a carico del dipendente della rivalsa pari al 2,50% della base contributiva, prevista dall´art. 37, comma 1, del decreto del Presidente della Repubblica 29 dicembre 1973, n. 1032".

E´ noto che sino al 31 dicembre 2010 la normativa imponeva al datore di lavoro un accantonamento complessivo del 9,60% sull´80% della retribuzione lorda, con una trattenuta a carico del dipendente pari al 2,50% sull´80% della retribuzione così come previsto dal DPR 1032/73 (artt. 37-38).Anche dopo il cambio di disciplina, l´Inpdap ha tuttavia continuato a far pagare ai lavoratori la ritenuta del 2,50% sull´80% della retribuzione, di fatto quindi del 2% sull´intera retribuzione. Tale prelievo è stato ora dichiarato illegittimo.

E´ la tesi sostenuta da tempo dalla Gilda degli insegnanti che, in attesa degli esiti della decisione della Corte Costituzionale, al fine di intraprendere le strategie processuali opportune per il riconoscimento dei giusti diritti dei dipendenti della scuola ed evitare tale illegittimo prelievo forzoso, aveva predisposto un atto di invito e diffida da inoltrare al Miur per chiedere la restituzione delle illegittime trattenute effettuate.

In attesa che ci siano indicazioni operative certe affinchè l´Inps ex Inpdad, oltre ad annullare con effetto immediato la detta ritenuta del 2%, restituisca i prelievi effettuati illegittimamente dal 1 gennaio 2011, abbiamo predisposto un nuovo modello di diffida che tiene conto del pronunciamento della Consulta, utile per coloro che ad oggi non avessero ancora provveduto a diffidare l´amministrazione.

Le nostre sedi provinciali sono a disposizione per maggiori dettagli ed informazioni.

 

 

ARGOMENTI:  TFR, inpdap, TFS, inpdap 17, legge 122,

Stai inviando il link del seguente articolo:

La Consulta boccia il prelievo aggiuntivo sul TFR

La TUA email

Il tuo nome (e cognome)

L'email dell'amico/a

Puoi includere un piccolo messaggio (opzionale)

Misura antispam

Quanto fa 3 piu' 6?

Trattamento dati personali: Ho letto e accetto.