stampa questa news Invia questa news ad un amico

Fondi UE alle paritarie, la scuola pubblica si arrangia con i punti fedeltà

» in Comunicati

Rino Di meglio sulla novità annunciata dalla ministra Fedeli riguardante i fondi europei alle scuole paritarie


Fondi UE alle paritarie, la scuola pubblica si arrangia con i punti fedeltà giovedì 26 ottobre 2017
"Nelle casse degli istituti paritari piovono sempre più soldi mentre le scuole pubbliche ‘in bolletta´ ricorrono ai punti fedeltà, raccolti grazie agli acquisti effettuati dalle famiglie degli studenti nelle grandi catene di distribuzione, per avere gratuitamente attrezzature informatiche e materiale didattico. Siamo al paradosso".

Ad affermarlo è Rino Di Meglio, coordinatore nazionale della Gilda degli Insegnanti, commentando una recente indagine di skuola.net e la novità annunciata dalla ministra Fedeli riguardante i fondi europei ai quali potranno accedere anche le scuole paritarie.Secondo Di Meglio, tra supermercati che finanziano le scuole pubbliche e regole dei finanziamenti europei che cambiano, diventa ancora più profondo il divario tra istituti di serie A e di serie B:

"Così - dichiara il coordinatore nazionale della Gilda - si tradisce il dettato costituzionale degli articoli 3, 33 e 34. Non si tratta di una questione ideologica ma di tutela delle fasce più deboli e svantaggiate della popolazione studentesca. La scuola pubblica statale merita ben altre risorse economiche e va tenuta lontana dalle logiche di mercato sempre più spinte".


Roma, 26 ottobre 2017
Ufficio stampa Gilda degli Insegnanti

 

Allegati

ARGOMENTI:  comunicati,

Stai inviando il link del seguente articolo:

Fondi UE alle paritarie, la scuola pubblica si arrangia con i punti fedeltà

La TUA email

Il tuo nome (e cognome)

L'email dell'amico/a

Puoi includere un piccolo messaggio (opzionale)

Misura antispam

Quanto fa 3 piu' 8?

Trattamento dati personali: Ho letto e accetto.