stampa questa news Invia questa news ad un amico

Manovra, la Gilda proclama lo stato di agitazione

» in Comunicati

Inique le misure decise ieri, nel corso del Consiglio dei ministri


Manovra, la Gilda proclama lo stato di agitazione lunedì 5 dicembre 2011

Una manovra «iniqua».

Così la Gilda degli Insegnanti boccia le misure decise, ieri, nel corso del Consiglio dei ministri.

«Incide solo in minima parte su sprechi e privilegi - è il giudizio tranchant espresso dal coordinatore nazionale del sindacato, Rino Di Meglio - mentre colpisce i diritti acquisiti di milioni di lavoratori e pensionati. Gli insegnanti, naturalmente, rientrano tra questi e, ancora una volta, saranno vessati dalle misure lacrime e sangue del governo Monti. Cambiano gli esecutivi - continua Di Meglio - ma per la categoria dei docenti non è mai tempo per il riconoscimento del loro lavoro e della loro professionalità».

Alla luce del decreto ‘salva-Italia´, la Gilda è già scesa sul piede di guerra: «Abbiamo proclamato lo stato di agitazione - conclude il coordinatore Di Meglio - e, a breve, convocheremo gli organismi statutari per decide le azioni di lotta da intraprendere».


Roma, 5 dicembre 2011
Ufficio stampa Gilda degli insegnanti

Allegati

ARGOMENTI:  Di Meglio, manovra economica, tagli,

Stai inviando il link del seguente articolo:

Manovra, la Gilda proclama lo stato di agitazione

La TUA email

Il tuo nome (e cognome)

L'email dell'amico/a

Puoi includere un piccolo messaggio (opzionale)

Misura antispam

Quanto fa 3 piu' 1?

Trattamento dati personali: Ho letto e accetto.