stampa questa news Invia questa news ad un amico

Gilda: la spending review penalizza l´istruzione pubblica

» in Comunicati

Il coordinatore nazionale, Rino Di Meglio, boccia senza mezzi termini il provvedimento


Gilda: la spending review  penalizza l´istruzione pubblica mercoledì 4 luglio 2012

"Ancora una volta l´istruzione pubblica finisce nel mirino dei tagli. Non è ammissibile che la bozza sulla spending review contempli una sottrazione di ben 200 milioni di euro alle università a vantaggio delle scuole private".

Il coordinatore nazionale della Gilda degli Insegnanti, Rino Di Meglio, boccia senza mezzi termini il provvedimento in discussione.

Nel mirino del sindacato c´è un po´ tutta la geografia dei tagli previsti nel testo che "come sempre finirebbero per penalizzare la categoria dei dipendenti pubblici".

Il provvedimento
- rincara la dose Di Meglio - sembra voler eliminare qualche spreco, intervenendo, ad esempio, sulla telenovela ormai pluriennale della riduzione delle province, ma il bersaglio privilegiato rimane il lavoratore della P. A. attraverso il blocco degli aumenti retributivi. Una politica che non paga né a breve né a lungo termine, riducendo la capacità di spesa e, di conseguenza, acuendo la recessione nel Paese.

Infine - conclude il sindacalista - appare molto pittoresca l´ipotesi di assegnare i docenti in esubero a classi di concorso, cioè a insegnamenti diversi da quelli per i quali sono titolati".


Roma, 4 luglio 2012
Ufficio stampa Gilda degli insegnanti 

Allegati

Stai inviando il link del seguente articolo:

Gilda: la spending review penalizza l´istruzione pubblica

La TUA email

Il tuo nome (e cognome)

L'email dell'amico/a

Puoi includere un piccolo messaggio (opzionale)

Misura antispam

Quanto fa 3 piu' 3?

Trattamento dati personali: Ho letto e accetto.