stampa questa news Invia questa news ad un amico

Concorsi e graduatorie: da Profumo uno schiaffo ai precari storici

» in Comunicati

Rino Di Meglio, commenta l´intervista al quotidiano La Repubblica in cui il titolare di viale Trastevere ha dichiarato di voler abolire le graduatorie


Concorsi e graduatorie: da Profumo uno schiaffo ai precari storici sabato 1 settembre 2012

"Prima di rovinare il week end a migliaia di precari, già in ansia per il loro futuro, il ministro Profumo dovrebbe essere più cauto nel rilasciare certe dichiarazioni. Siamo tutti d´accordo sul fatto che il concorso rappresenti lo strumento migliore di reclutamento, ma è fondamentale stabilizzare in tempi ragionevoli i 260mila precari che, non per loro demerito, sono ancora senza cattedra".

Così il coordinatore nazionale della Gilda degli Insegnanti, Rino Di Meglio, commenta l´intervista al quotidiano La Repubblica in cui il titolare di viale Trastevere ha dichiarato di voler abolire le graduatorie, dopo aver svuotato quella già esistente, per procedere unicamente con le prove concorsuali.

"Troviamo curiosa, poi, l´intenzione del ministro di effettuare, in accordo con l´Inps, una verifica sul numero di precari in graduatoria che, in attesa di essere assunti nella scuola, hanno trovato un altro impiego. E´ ovvio che per sopravvivere molti precari si arrangiano con altri lavori - afferma Di Meglio - ma ciò non significa che questi colleghi debbano essere automaticamente tagliati fuori, negando loro la possibilità di svolgere la professione per la quale hanno studiato e investito tempo, passione e risorse economiche".


Roma, 1 settembre 2012

Ufficio stampa Gilda Insegnanti


Allegati

Stai inviando il link del seguente articolo:

Concorsi e graduatorie: da Profumo uno schiaffo ai precari storici

La TUA email

Il tuo nome (e cognome)

L'email dell'amico/a

Puoi includere un piccolo messaggio (opzionale)

Misura antispam

Quanto fa 3 piu' 6?

Trattamento dati personali: Ho letto e accetto.