stampa questa news Invia questa news ad un amico

Tagli: Gilda proclama lo stato di agitazione e tenta conciliazione

» in Comunicati

Comunicato stampa della Gilda degli Insegnanti


Tagli: Gilda proclama lo stato di agitazione e tenta conciliazione mercoledì 25 febbraio 2009
Proclamazione dello stato di agitazione e richiesta del tentativo obbligatorio di conciliazione: queste le iniziative promosse dalla Gilda degli Insegnanti contro i pesanti tagli agli organici previsti dai regolamenti in fase di approvazione.

Con una lettera indirizzata ai ministri della Pubblica istruzione e della Funzione pubblica e alla Commissione di garanzia, oggi il sindacato ha proclamato lo stato di agitazione, chiedendo al Governo di garantire ai docenti e al personale Ata due contratti specifici, separandone le aree e valorizzando le diverse professionalità.

Contestualmente, la Gilda degli Insegnanti ha chiesto l´esperimento del tentativo obbligatorio di conciliazione previsto dalle leggi 146/90 e 83/2000. Se le richieste avanzate non saranno accolte, l´organizzazione sindacale non esclude il ricorso ad azioni di sciopero.

"I tagli agli organici - afferma il coordinatore nazionale della Gilda degli Insegnanti, Rino Di Meglio - sono tali da non garantire né la necessaria continuità didattica, né il tempo scuola richiesto dalle famiglie".

Roma, 25 febbraio 2009
Ufficio stampa Gilda Insegnanti

ARGOMENTI:  Di Meglio, tagli, regolamenti,

Stai inviando il link del seguente articolo:

Tagli: Gilda proclama lo stato di agitazione e tenta conciliazione

La TUA email

Il tuo nome (e cognome)

L'email dell'amico/a

Puoi includere un piccolo messaggio (opzionale)

Misura antispam

Quanto fa 3 piu' 4?

Trattamento dati personali: Ho letto e accetto.