stampa questa news Invia questa news ad un amico

Immissioni in ruolo: caos frutto di legge sbagliata

» in Comunicati

La Gilda degli Insegnanti rispedisce al mittente le critiche lanciate ai sindacati dal ministro Giannini


Immissioni in ruolo: caos frutto di legge sbagliata mercoledì 5 agosto 2015
"Sul piano di assunzioni regna il caos e la responsabilità è tutta da imputare a una legge sbagliata voluta da un governo che, ignorando i meccanismi complessi della scuola, ha avuto la presunzione di scriverla senza dare ascolto a chi, invece, conosce bene questo mondo. E adesso a farne le spese sono i precari".

Ad affermarlo è la Gilda degli Insegnanti, che rispedisce al mittente le critiche lanciate ai sindacati dal ministro Giannini.

"Sono decine di migliaia i precari che in questi giorni stanno affollando le nostre sedi in tutta Italia per ottenere chiarimenti sulle immissioni in ruolo, soprattutto per quanto riguarda le fasi B e C. La maggior parte degli insegnanti - spiega la Gilda - non si rivolge ai nostri uffici per avanzare richiesta di assunzione, ma per sapere dove sono disponibili i posti e per capire cosa accade nel caso in cui si decida di non presentare domanda. Come avevamo previsto, incertezza e confusione la stanno facendo da padrone e per questo, subito dopo aver esaminato la riforma, avevamo cercato in tutti i modi di convincere Governo e Miur a trovare soluzioni diverse".

"La stragrande maggioranza dei precari - prosegue la Gilda - è scontenta non perché il posto di lavoro proposto è lontano da casa, ma per l´iniquità delle assegnazioni che non avvengono in base al punteggio, ma alle fasi delle assunzioni previste dalla riforma. Non dimentichiamo inoltre il problema, ancora da risolvere, dell´esonero dei vicepresidi che per i primi due mesi del prossimo anno scolastico potrebbero essere in classe a insegnare e poi, con l´introduzione dell´organico potenziato, lasciare la cattedra, in barba alla continuità didattica tanto invocata da Giannini e Renzi".

Secondo la Gilda, dunque, il piano di assunzioni, cavallo di battaglia della cosiddetta "Buona Scuola", rischia di rivelarsi un fallimento e di provocare gravi ripercussioni sull´avvio dell´anno scolastico.


Roma, 5 agosto 2015
Ufficio stampa Gilda degli Insegnanti

 

Allegati

Stai inviando il link del seguente articolo:

Immissioni in ruolo: caos frutto di legge sbagliata

La TUA email

Il tuo nome (e cognome)

L'email dell'amico/a

Puoi includere un piccolo messaggio (opzionale)

Misura antispam

Quanto fa 3 piu' 1?

Trattamento dati personali: Ho letto e accetto.