stampa questa news Invia questa news ad un amico

Supplenze: da Torino interpretazioni lesive per i precari

» in Precari

La Gilda commenta la nota dell´Ufficio scolastico regionale per il Piemonte, ambito territoriale della provincia di Torino


Supplenze: da Torino interpretazioni lesive per i precari venerdì 22 febbraio 2013

"Un colpo di mano che scavalca l´amministrazione centrale e il contratto, danneggiando gravemente i docenti".

Così la Gilda degli Insegnanti commenta la nota con cui l´Ufficio scolastico regionale per il Piemonte, ambito territoriale della provincia di Torino, ha sancito che, fino a quando non avviene la nomina, le supplenze sono da considerarsi brevi.

"Si tratta di un atto unilaterale - afferma il sindacato - che nuoce sul fronte delle assenze per malattia: 30 giorni pagati al 50% e poi il licenziamento. Inoltre l´articolo 40 della legge 449/97, citato dall´Usr, equipara i supplenti fino a nomina dell´avente diritto agli annuali e a quelli in servizio fino al 30 giugno, tanto da prevederne il pagamento direttamente da parte del Tesoro".

"Questa interpretazione - dichiara la Gilda - lede un diritto dei supplenti che, a causa dei ritardi dell´amministrazione scolastica, non sono stati ancora assunti fino al 30 giugno".

Secondo il sindacato, l´amministrazione periferica torinese si sarebbe dovuta rivolgere all´amministrazione centrale che, a sua volta, avrebbe dovuto convocare le organizzazioni sindacali "perché la materia - conclude la Gilda - è di natura contrattuale e, dunque, non si può prestare a interpretazioni unilaterali".


Roma, 22 febbraio 2013
Ufficio stampa Gildadegli insegnanti


ARGOMENTI:  supplenze,

Stai inviando il link del seguente articolo:

Supplenze: da Torino interpretazioni lesive per i precari

La TUA email

Il tuo nome (e cognome)

L'email dell'amico/a

Puoi includere un piccolo messaggio (opzionale)

Misura antispam

Quanto fa 3 piu' 1?

Trattamento dati personali: Ho letto e accetto.