stampa questa news Invia questa news ad un amico

Precari: dal Governo solo promesse sui contratti di solidarietà

» in Comunicati

Comunicato stampa della Gilda degli Insegnanti


Precari: dal Governo solo promesse sui contratti di solidarietà mercoledì 29 luglio 2009

"Il Governo non rispetta gli impegni: ha soltanto illuso le migliaia di colleghi che da anni attendono la stabilizzazione, promettendo una ‘boccata di ossigeno´ che non è ancora arrivata e che, considerato il silenzio del ministero dell´Economia, probabilmente non arriverà mai".

È quanto dichiara Maria Domenica Di Patre, vice coordinatrice nazionale della Gilda degli Insegnanti, in merito alla drammatica situazione dei docenti precari per i quali il Governo si era impegnato a varare un decreto con cui assegnare contratti di solidarietà ai titolari di una cattedra annuale.

Una misura che, denuncia la Gilda, non è stata ancora attuata e su cui il ministro Tremonti tace.

"Più passa il tempo
- afferma Di Patre - e più si riducono le possibilità che questo decreto passi. E intanto tra i precari crescono la rabbia e lo sconforto. Inoltre - sottolinea la vice coordinatrice della Gilda - restano ancora senza risposta 25mila immissioni in ruolo da effettuare tra il corpo docente e l´organico Ata".

Nel mirino della Gilda, anche la vicenda dei mille posti in più che, inspiegabilmente, sono stati recuperati a Milano: "Una manovra in netta controtendenza rispetto a quanto sta accadendo nel resto del Paese e, soprattutto nelle regioni meridionali, - commenta Di Patre - e che denota una grave disparità di trattamento tra il Nord, ancora una volta avvantaggiato rispetto al Sud, e il Mezzogiorno sempre più depredato".

"La Gilda degli Insegnanti - sottolinea Di Patre - esprime forte preoccupazione per il futuro dei precari e per le condizioni disastrose in cui comincerà il prossimo anno scolastico. A settembre le scuole si ritroveranno nel caos perché i 42mila tagli previsti dal ministero dell´Istruzione saranno tutti attivati. Forse, con le risorse sottratte alla scuola, il Governo riuscirà a pagare gli stipendi dei militari impegnati in Afghanistan, ma si tratterà di una scelta miope - conclude la vice coordinatrice della Gilda - testimonianza dello scarso impegno a investire in un settore come quello dell´istruzione che, invece, riveste un ruolo fondamentale per la crescita civile e culturale di tutto il Paese".


Roma, 29 luglio 2009
Ufficio stampa Gilda degli insegnanti

ARGOMENTI:  

Stai inviando il link del seguente articolo:

Precari: dal Governo solo promesse sui contratti di solidarietà

La TUA email

Il tuo nome (e cognome)

L'email dell'amico/a

Puoi includere un piccolo messaggio (opzionale)

Misura antispam

Quanto fa 3 piu' 8?

Trattamento dati personali: Ho letto e accetto.