stampa questa news Invia questa news ad un amico

Il CNPI boccia il regolamento Gelmini

» in Riforma/autonomia scolastica

Il CNPI esprime all´unanimità un parere fortemente critico sui regolamenti approvati dal CdM


Il CNPI boccia il regolamento Gelmini giovedì 12 febbraio 2009
Il Consiglio Nazionale della Pubblica Istruzione (CNPI) - nella seduta odierna - ha approvato all´unanimità il parere sullo schema di regolamento concernente la revisione dell´assetto ordinamentale, organizzativo e didattico della scuola dell´infanzia e del primo ciclo di istruzione, approvato dal Consiglio dei Ministri in data 18 dicembre 2008, su proposta del Ministro dell´istruzione, dell´università e della ricerca, Mariastella Gelmini.

Fortemente critiche le conclusioni, che si riportano testualmente e senza commenti. «Il CNPI critica fortemente la scelta di fondo sottesa al Regolamento in quanto non
coerente con le prerogative delle istituzioni scolastiche autonome, lese sui principi che regolano l´autonomia didattica, organizzativa, di ricerca, di sperimentazione e sviluppo secondo quanto disposto dal dPR 275/99.


Il CNPI rileva come il Regolamento, nel prospettare un´ampia offerta di tempi scuola,
possa alimentare nelle famiglie aspettative che, in assenza di congrue e correlate risorse, potranno difficilmente essere soddisfatte mettendo la scuola nella difficile situazione di dover ri-orientare le scelte e riorganizzare l´offerta.


Il CNPI ritiene, infine, che le criticità evidenziate compongono un quadro formativo che
• compromette l´efficacia dell´offerta formativa nella scuola dell´infanzia e nel primo ciclo di istruzione;
• lede la dignità dell´istituzione scolastica pubblica;
• non garantisce pari opportunità di offerta e di scelta sull´intero territorio nazionale.»


 

 

Stai inviando il link del seguente articolo:

Il CNPI boccia il regolamento Gelmini

La TUA email

Il tuo nome (e cognome)

L'email dell'amico/a

Puoi includere un piccolo messaggio (opzionale)

Misura antispam

Quanto fa 3 piu' 2?

Trattamento dati personali: Ho letto e accetto.