stampa questa news Invia questa news ad un amico

Si ritorna al TFS, riabilitata la trattenuta del 2,5%

» in Retribuzioni

Lo stabilisce il decreto legge varato nella seduta del Consiglio dei ministri lo scorso 26 ottobre


Si ritorna al TFS, riabilitata la trattenuta del 2,5% mercoledì 31 ottobre 2012

La trattenuta del 2,5% sugli stipendi dei lavoratori delle amministrazioni pubbliche, sanzionata dalla Corte Costituzionale, adesso è legittima.

A "riabilitare" il prelievo per la buonuscita è il decreto legge n. 185 del 29 ottobre che ha abrogato il comma 10 dell´art. 12 del decreto-legge 78/2010 (convertito nella legge 122/2010) che prevedeva, a decorrere dal 1 gennaio 2011, che il computo del trattamento di fine servizio doveva essere effettuato con l´applicazione dell´aliquota del 6,91% a carico della sola amministrazione e nessun onere per il dipendente, rimettendo le lancette dell´orologio al 1 gennaio 2011 e ripristinando il Tfs.

Con il provvedimento varato lo scorso 26 ottobre ed entrato in vigore in data odierna, Palazzo Chigi ha fatto, dunque, retromarcia.

Per capire meglio la questione, dalla quale sono esclusi i docenti entrati in ruolo a partire dal 2002 perché assunti come i dipendenti privati in regime di Tfr, ricapitoliamone le tappe salienti.

Gli insegnanti assunti prima del 2002 erano in regime di Tfs, vale a dire la vecchia buonuscita calcolata sull´ultimo stipendio, che prevedeva una ritenuta del 2,5%. A partire dal 1 gennaio 2011 il governo aveva fatto transitare anche chi era stato assunto prima del 2002 nel regime di Tfr ma, con un´operazione piratesca, aveva mantenuto la trattenuta del 2,5%.

Di fronte a una lampante discriminazione tra lavoratore pubblico e privato e tra gli stessi dipendenti pubblici, la Consulta ha dichiarato illegittima la norma.

A questo punto il governo, per non restituire il maltolto, ha fatto dietrofront e ha scelto il danno minore, ripristinando la buonuscita (Tfs) per tutti i vecchi assunti prima del 2002. In questo modo, i soldi verranno restituiti soltanto a chi ha già interrotto il rapporto di lavoro, mentre chi è ancora in servizio vengono "compensati" con una futura liquidazione forse più elevata.

Un forse d´obbligo, visto che la vecchia buonuscita è vantaggiosa rispetto al Tfr solo se le buste paga "si appesantiscono" e che gli stipendi patiscono ancora il mancato rinnovo del contratto di lavoro e gli scatti di anzianità fermi al 2010.


Stai inviando il link del seguente articolo:

Si ritorna al TFS, riabilitata la trattenuta del 2,5%

La TUA email

Il tuo nome (e cognome)

L'email dell'amico/a

Puoi includere un piccolo messaggio (opzionale)

Misura antispam

Quanto fa 3 piu' 4?

Trattamento dati personali: Ho letto e accetto.